Marmellata di scorzette di limoni e menta

  • Mag 19, 2015

Limoni-web-DSC_1519

Ho ricevuto un regalo speciale. E il ‘bello’ è che chi me l’ha fatto nemmeno immagina quanto sia stato speciale e gradito!

Il giardiniere dei vicini ci ha fatto trovare un enorme ramo appena potato carico di limoni! Chissà che non si sia impietosito che il nostro piccolo alberello di limoni ne produce 3 al massimo??

Interrogativi a parte, con quei bei limoni ne è uscita fuori questa delizia: una marmellata di limoni  bella asprigna e poco zuccherosa, vera e genuina! La presenza delle scorze in questa ricetta rende la marmellata (meravigliosamente) amarognola, ma se non gradite questi sapori e preferite una marmellata molto dolce vi sconsiglio di provare ad eliminarle dalla ricetta, perchè le zeste contengono molta pectina ed eliminarle potrebbe far fallire la riuscita della vostra marmellata di limoni: piuttosto scegliete un’altra ricetta! 🙁

Marmellatalimoni-web3-DSC_2517

[recipe-foody]

Ingredienti (per circa 3 barattoli da 250 ml)

2 kg di limoni non trattati – circa 600 g di zucchero (v. dettaglio nella ricetta) – 3 cucchiai di zucchero (facoltativi) – foglioline di menta, a piacere

Procedimento:

Lava bene i limoni e utilizzane la metá (1 kg) per ricavare le zeste: togli la buccia gialla facendo attenzione ad eliminare la parte bianca e tagliala a julienne.

Metti tutte le scorzette in un pentolino, ricopri con acqua e porta a bollore, quindi scola le zeste. Ripeti questo procedimento per 3-4 volte: servirà a togliere l’amaro delle zeste. Se vuoi puoi aggiungere nell’ultima bollitura 3 cucchiai di zucchero, che aiuteranno allo scopo.

Nel frattempo riprendi tutti i limoni (sia quelli interi che quelli senza scorza) e pelali a vivo. Tagliali a pezzettoni e pesali: questo serve a decidere la quantità esatta di zucchero necessario, che corrisponde, in questa ricetta, alla metà del peso della polpa di limoni. Nel mio caso la polpa di limoni pesava 1,200 kg, quindi ho utilizzato 600 g di zucchero.

Metti su fuoco dolce la polpa di limoni e lo zucchero in una pentola dal fondo spesso e lascia cuocere per circa 30-40 minuti, controllando spesso e girando la marmellata che in questa fase rimarrà ancora molto liquida. Trascorso questo tempo togli la marmellata dalfuoco e passala nel passaverdure: questa operazione servirà anche ad eliminare tutti i semi.

Rimetti quindi la purea a cuocere nella pentola, questa volta aggiungendo le zeste di limoni preparate in precedenza. Cuoci per circa un’ora – un’ora e mezza a fuoco dolce mescolando di tanto in tanto. La consistenza della marmellata calda di limoni, così come quella degli agrumi in generale è sempre piuttosto liquida, ma per capire se la marmellata è pronta basta prelevarne un cucchiaino e lasciarlo raffreddare per alcuni minuti: se la marmellata si addenserà, vorrà dire che è pronta!

A questo punto è il momento di trasferirla nei vasetti di vetro (precedentemente sterilizzati), dopo aver disposto sul fondo qualche fogliolina di menta. Una volta riempiti, chiudili ermeticamente con il loro coperchio e rovesciali a testa in giù fino a raffreddamento, per creare il sottovuoto.

Per sicurezza è bene procedere ad una seconda sterilizzazione dei vasetti pieni di marmellata di limoni, avvolgendoli in un canovaccio di cotone (per non rischiare di romperli) ed immergendoli in acqua bollente. Lasciali bollire per 15 minuti, spegni la fiamma ed aspetta che l’acqua si raffreddi per scolare i vasetti, asciugarli e conservarli in luogo asciutto ed al riparo dalla luce.

[/recipe-foody]

Marmellatalimoni_web_DSC_2525

Maggio 15, 2015

RELATED POSTS

2 Comments

  1. Rispondi

    Francesca P.

    Maggio 19, 2015

    Angela, che meraviglia! Colore bellissimo ed energetico e profumo che posso solo immaginare! Mi presti un vasetto per sniffare? 🙂
    ps: lo sfondo dell’ultima foto mi piace assai assai! Teglia da forno, per caso? 😀

    • Rispondi

      ackyart

      Maggio 22, 2015

      Grazie Fra! Non avevo mai fatto la marmellata di limoni ma in effetti è pazzesca… È fatta in casa non c’é paragone rispetto a quella che si compra! Eh sì indovinato! Teglieeeeeee 😉

LEAVE A COMMENT