Quiche integrale al pesto con pomodorini, zucchine e feta

  • Apr 1, 2015

Quiche-al-pesto-web-DSC_0392

L’ispirazione per questa ricetta è arrivata 20 secondi dopo aver ricevuto a casa il libro di Marianna, ‘Di Farina in Farina’. Un libro splendido, che consiglio vivamente, se si vuole provare a sperimentare il mondo delle farine diverse dal solito. Farro, kamut, amaranto, mais, grano saraceno, tutte viaggiano in solitaria o a braccetto tra di loro in fantastiche ricette di dolci e salati, paste e impasti, torte e ciambelloni. Una gioia per la vista e per il palato.

Non avevo a casa tutti gli ingredienti per realizzare subito una sua ricetta, così ho tratto ispirazione dal concetto ed ho usato ciò che avevo a disposizione.

Nel caso di questa ricetta, per realizzare la base della quiche ho utilizzato farro integrale e grano saraceno, insieme ad un pesto di basilico,  con ottimi risultati. Il ripieno è più classico e delicato, ma si sposa benissimo con il guscio al pesto croccante.

Sicuramente sarà sulla mia tavola di Pasqua e Pasquetta, o meglio, se il tempo ce lo permette, nel cestino da pic nic. Provate anche voi?

Quiche-al-pesto--web-DSC_0385

[recipe-foody]

Quiche al pesto con pomodorini, zucchine e feta

Ingredienti:

Per la base:
– 180 g di farina di farro integrale
– 70 g di farina di grano saraceno integrale
– 70 g di acqua fredda
– 70 g di pesto alla genovese (piuttosto solido)
– olio extravergine d’oliva q.b.
– sale

Per il ripieno:
– 3 zucchine romanesche medie
– 8/10 pomodorini ciliegino
– 200 g di feta
– 2 uova
– 50 g di latte
– 3 cucchiai di pecorino grattugiato
– 1 scalogno
– 1 rametto di basilico
– noce moscata
– olio extravergine d’oliva
– sale e pepe

– burro e farina, per lo stampo

[/recipe-foody]

Procedimento:
Prepara la base: in una ciotola unisci le due farine e amalgamale con il pesto, quindi aggiungi l’acqua a filo e continua ad impastare. Se la consistenza è ancora sabbiosa, aggiungi tanto olio quanto basta ad ottenere un impasto morbido e setoso. Aggiungi un pizzico di sale.
Preriscalda il forno a 180 gradi. Stendi l’impasto ad uno spessore di circa 3 mm e rivesti uno stampo rettangolare (circa 40×10 cm) o tondo (circa 22 cm) precedentemente imburrato ed infarinato. Rifila i bordi, ricopri con carta forno e riempi di legumi secchi.
Inforna per circa 20 minuti, quindi elimina i legumi secchi e la carta forno e lascia raffreddare.
Prepara il ripieno: lava le zucchine, privale delle estremità e tagliale a rondelle (1/2 cm di spessore). Sbuccia lo scalogno e tritalo finemente.
Fai rosolare lo scalogno con un filo d’olio in una padella, aggiungi le zucchine e cuocile per 10 minuti, girandole spesso. Aggiusta di sale ed unisci le foglie di basilico lavate e tritate grossolanamente. Lascia raffreddare.
In una ciotola sbatti le uova con il latte e il pecorino. Aggiungi un pizzico di sale e pepe e la noce moscata. Sbriciola la feta all’interno. Unisci quindi le zucchine ed amalgama il tutto.
Versa il composto nel guscio di pasta brisée al pesto e completa con i pomodorini lavati e asciugati.
Inforna a 180 gradi per circa 40 minuti e completa con 5 minuti ulteriori sotto il grill del forno.
Sforna e lascia riposare la quiche per una decina di minuti prima di toglierla dallo stampo e servirla. E’ molto buona anche fredda (anche di più!)

RELATED POSTS

3 Comments

  1. Rispondi

    Francesca P.

    Aprile 26, 2015

    Mi piace quello che hai scritto di te nel profilo e anche nell’About… le sintonie non scattano a caso, oltre alla fotografia ami anche scrivere e si capisce – lo capisco – subito quando c’è una mente creativa e interessante che muove tutto… 🙂
    E questa quiche la farò di sicuro! 😉

    • Rispondi

      ackyart

      Aprile 26, 2015

      …grazie ancora! Si sente che sono apprezzamenti fatti col cuore! Purtroppo anche se mi piace scrivere ho sempre poco tempo e, al contrario di quanto facevo qualche anno fa, ora i post sono sinteticamente…la ricetta e molto poco di più! Spero sempre di avere più tempo per curare ed aggiornare questo posticino 😉 Comunque grazie di essere passata e a questo punto grazie ad Ig che ci ha fatto ‘scoprire’ reciprocamente!

LEAVE A COMMENT